Login »Nick: Pass:
Twitter
Facebook

Lorena Fiorini presenta a Bolsena il suo libro “Betty, sono Bruno” approfondimenti

Sabato 28 Gennaio alle ore 17.00 presso l'Auditorium Comunale di Bolsena la scrittrice Lorena Fiorini presenta il suo libro "Betty, sono Bruno". Seguono poche righe gettate di pugno dalla scrittrice che racconta l'emozione di trovarsi nella sua città d'adozione a raccontare l'emozione di un libro.  La mia città d’adozione, Bolsena, mi ha accolto gioiosa per ripercorrere il Novecento attraverso una storia che vede i protagonisti sostare, vivere le proprie vicende, umane e sentimentali, attraverso i viali, l’antico borgo, la città centro del culto a Santa Cristina, la città simbolo della religiosità con il Miracolo del Corpus Domini. Sono felice di condividere con la città, i suoi abitanti, amici, parenti, conoscenti momenti intensi di vita vissuta. Gennaio, mese della memoria, invita a ripercorrere le strade del passato a partire dall’antica Via Francigena per giungere all’Umbro-Casentinese e fino a noi. Per non dimenticare chi ci ha preceduto, ha lottato per noi, ci ha consegnato un’Italia libera e vogliosa di fare.

Il libro “Betty, sono Bruno” racconta di un padre e una figlia uniti d’amore sgombro, che arricchisce, nutre, fa andare avanti. Conforta e aiuta a crescere. Si aprono scenari mai conosciuti, si svelano segreti che aprono la mente e le viscere. Danno un quadro della realtà che fa capire le scelte e i risvolti di una vita, di vite che hanno in comune anche vicende mai narrate.

E’ il lavoro realizzato da padre e figlia in un racconto che abbraccia quasi un secolo di storia. Storia che si dipana dal 1919, anno di nascita di Bruno Fiorini, fino a giungere ai nostri giorni, una storia che abbraccia il Novecento, racconta il Fascismo, la Seconda Guerra Mondiale, la Ricostruzione, gli Anni di piombo, i tempi attuali. E’ un’Italia della quale poco si parla, un’Italia che rappresenta la parte sana del Paese, quella che ha combattuto, lavorato, risparmiato, ha dedicato la vita alla famiglia, a far crescere figli e nipoti con sani principi.

Un lavoro che non fa sconti e non tace nulla…una memoria che ci giunge intatta attraverso settant’anni.. getta luce su una parte delle vicende dei nostri prigionieri presi in Africa settentrionale e detenuti prima in Sud Africa e poi in Inghilterra. Queste le parole, nella presentazione del libro, del Col. Antonino Zarcone, responsabile dell’Ufficio Storico dell’Esercito Italiano. La prefazione di Maria Enrica Monaco, Delegata Provinciale alla storia Croce Rossa Italiana e Direttrice del Museo di CRI, parla della tragica avventura degli anni di guerra di un uomo: Unico sprazzo di gioia in quei lunghi anni della “peripezia”, quelle sedici lettere, tutte insieme, dietro le quali c’era l’animo grande della Croce Rossa.

Lorena Fiorini ha incontrato le Istituzioni. Oltre allo Stato Maggiore dell’Esercito e alla Croce Rossa Nazionale e Internazionale, il Corpo Forestale dello Stato ha recuperato documenti storici, l’Ufficio Segreto del Vaticano ha aperto gli archivi con il lavoro straordinario effettuato dalla Santa Sede nella Seconda guerra mondiale. E poi, i Sindaci di Pratovecchio e Stia con il materiale fotografico messo a disposizione, la Presidenza della Repubblica, la Marina Militare, l’Associazione Nazionale Reduci e Rimpatriati d’Africa, hanno aperto il cuore a una storia che può appartenere a ognuno di noi. Un tuffo nell’Italia che rappresenta il cuore dello Stato, che apre le porte, gli archivi, ti accoglie con il sorriso e aiuta a fare luce in una vicenda tutta da raccontare.

di Lorena Fiorini

Approfondimento: http://blog.dellanesta.it
Comunicato di Avatar di Paola VigettiPaola Vigetti | Pubblicato Mercoledì, 25-Gen-2012 | Categoria: Eventi
Portale automobilistico
Elenco e offerte Terme

Reazioni:

Voto medio

2.00

1 VOTO

Iscriviti per poter votare questo comunicato o pubblicarne uno a tua volta.
 

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai inserire nuovi comunicati, votare i comunicati altrui e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti
Versione Mobile